to be a mom

Tre desideri

agosto 8, 2013

pappabu

Cara Cecetta,

rispondo solo ora alla tua ultima lettera e non a caso.
Ho riflettutto molto su tutto quanto mi hai chiesto e, come avrai notato, mi sono ridimensionata nelle mie pretese.
Ti ho dato tempo, e così tu hai imparato a stare seduta dritta e da quella posizione forse ti è venuto più naturale approcciarti al cibo nuovo e soprattutto al cucchiaio.
Ho capito anche che il problema non erano i cibi solidi in generale, ma quelli che ti proponevo io e ho cercato di farti conoscere i sapori semplici, al naturale.
Però amore, non puoi neanche pretendere di mangiare il nostro risotto zeppo di burro e Parmigiano!
Hai ragione, è stata la nonna a fartelo assaggiare e da certe consapevolezze non si torna indietro, ma tu hai solo otto mesi! Avrai una vita intera per apprezzare le gioie colpevoli dei grassi saturi, cerca di imparare a conoscere i sapori semplici ora: non ti sono forse piaciute la ricotta, e la pasta al pomodoro?

Abbiamo fatto molta strada in questi due mesi e quando sei in vena ormai ti lasci imboccare fin quasi in fondo al piatto: perchè non possiamo giungere ad un lieto compromesso per cui rendiamo pranzi e cene piacevoli, per tutti, SEMPRE?
Perchè credimi amore mio, quelle volte (ancora troppo frequenti) in cui ti gira male, passare un’ora e più a imboccarti mentre mi segnali tutta la tua disapprovazione a suon di “Nananananananana!” e “Brrrrrrrr!” non è facile. Scalfirebbe i nervi anche della madre meglio intenzionata. E poi soprattutto, non ho ancora capito: cos’è che ti fa cambiare così radicalmente atteggiamento?
Vuoi aiutarmi per favore?

Sono certa di avere imparato a conoscere i tuoi gusti ormai: so che preferisci un po’ di consistenza sotto le gengive, e per questo ho introdotto le pastine. Mi è assolutamente chiaro che il sedano non te lo devo neanche far vedere col binocolo e che preferisci il Parmigiano al Grana. Ho capito che il cucchiaio di silicone va bene per giocare, e che quello di plastica dura va bene per mangiare. Cosa ti passa per la testa allora quando ti arrabbi così tanto da non riuscire a mandar giù che pochi cucchiai?

Ti propongo un patto: tu istituirai un chiaro segnale per ogni tua esigenza e io esaudirò tre tuoi desideri!

– Non pretenderò più di farti mangiare lo Yogurt intero biologico e senza zucchero (no, ok, neanche mischiato con il fruttino).

– Dopo aver finito la pappa, non ti negherò mai una ciucciatina, anche se ti sei strafocata: sarà la nostra piccola coccola diurna e dichiariamo il biberon bandito per sempre (ah già, per l’acqua sì, che le tazze con beccuccio non ti piacciono proprio).

– D’ora in poi ti preparerò solo mezza dose di pappa, e al diavolo le tabelle. Così tu non sarai costretta a ingozzarti oltre misura, e io avrò la soddisfazione di vedere il piatto vuoto (tanto di te tutto si può dire, fuorchè tu sia patita!)

Cecetta mia, ti voglio davvero tanto bene e sono sempre più felice di essere la tua mamma.
Diamoci tempo e ci capiremo sempre meglio!

La tua Mamma

PS Un’ultima richiesta: visto che ora te la intendi così bene con Papà, non potresti valutare l’idea di addormentarti insieme a lui? Sai, a volte la mamma avrebbe bisogno di una mezz’ora: per cercare lavoro, aggiornare il blog, leggere un libro…
Tu pensaci, ok?

psIloveyou

You Might Also Like

  • Avatar
    acciaio73 agosto 8, 2013 at 9:25 pm

    Letto nulla sull’autosvezzamento?
    🙂

    • Avatar
      Silvia A. agosto 9, 2013 at 8:54 pm

      Sì, ho anche accennato un inizio di autosvezzamento ma non fa per me. E neanche per lei a dire il vero: assaggia sì, ma poi perde interesse.
      Diciamo che mangiare non è la sua attività preferita…
      E comunque stiamo lavorando sul compromesso, come hai potuto leggere!
      😉
      (come stai tu? <3 )

  • Avatar
    squa agosto 9, 2013 at 5:19 am

    Fantastico!!
    (tra l’altro anche io ero nel mood di scrivere letterine 😉

    • Avatar
      Silvia A. agosto 9, 2013 at 8:54 pm

      Io adoro le lettere! Anche quelle per finta…

  • Avatar
    Mamma avvocato agosto 12, 2013 at 6:01 pm

    Bellissima questa risposta alla sua lettera….sono sicura che sei una madre molto paziente!!!
    P.s. Con il nano e stata dura finché non ho capito che i cibi liquidi o tipo passata, neppure di semolino, gli piacevano…direttamente solidi, anche se morbidi, no pastine in brodo ma solo senza e…è andata bene!!

    • Avatar
      Silvia A. agosto 15, 2013 at 9:49 pm

      uhm….paziente non so. E’ proprio la pazienza che sento sempre di non avere abbastanza…. Speriamo che quella che c’è basti!
      🙂

  • Se tua figlia non mangia | mammaduepuntozero novembre 22, 2013 at 11:09 am

    […] Cecetta nell'addormentarsi, o di quelli di Dodo. E forse vi ricorderete anche delle lettere che io e Cece ci siamo scambiate in merito ai problemi legati allo […]

  • Blog Story: da mamma a mamma | meduepuntozero luglio 24, 2014 at 9:30 pm

    […] certo punto Cecetta mi ha scritto una lettera, cercando di spiegarmi il suo punto di vista….e io naturalmente le ho risposto, da lì a poco, esponendole il mio. Per fortuna per noi le cose si sono risolte, anzi, sono […]