to be me, web

Fenomenologia del follower

febbraio 19, 2014

Ok, ok, lo ammetto: il mio ultimo post è stato una bieca mossa per testare l’affetto attorno a me ed incentivare dichiarazioni d’amore. Fishing for compliments, sono pessima, ma vi amo.

E’ vero, forse non sarò mai una blogger di successo, ma la cosa ha anche degli oggettivi vantaggi da non sottovalutare. Per esempio: il mio pubblico è favoloso.

Avete presente i follower dei blog di successo?

Ci sono quelli che ti amano disinteressatamente. Gente bella, risolta, serena: per fortuna in maggioranza, ma spesso invisibile (perché, avendo una vita, ha poco tempo per stare a leggere, figuriamoci commentare).

Quelli che ti odiano senza un motivo preciso, ma più o meno perché ti prendi la briga di esistere e di esprimerti sul web, in pubblico. Ti odierebbero anche se fossi la loro compagna di classe intraprendente, in questo modo non hanno neanche il fastidio di doverti frequentare.

Quelli che ti amano perché si sentono (e te lo dicono) “come te. Amano un tuo post perché “ne hanno parlato anche loro nel loro ultimo post“, amano una foto perché “anche loro amano quel tipo di cibo, colore, composizione, abito, arredamento, razza canina”.
Quindi in pratica ti stanno dicendo che amano loro stessi ed incidentalmente tu sei esattamente come loro.

Quelli che ti odiano perché vorrebbero essere “come te”, ma non te lo dicono esplicitamente, anzi, criticano tutto di te: dalla pettinatura, all’outfit, dalla taglia di scarpe, alla carta da parati.

Quelli che ti leccano i piedi nella speranza di entrare in confidenza e di farsi notare dalla tua nutrita audience e attirarla nel loro blog. O anche solo per brillare di luce riflessa.
Quelli che ogni commento è un guest post.

Quelli che ti hanno leccato i piedi per un tot, ma siccome non ci sei cascata, adesso sono passati alla fase due e ti odiano con veemenza ed incontrovertibilmente.

Insomma, bisogna essere corazzati per aver a che fare con quella gente lì e io non sono proprio convinta che ne avrei il fegato.

Meglio pochi …

You Might Also Like

  • verdeacqua febbraio 19, 2014 at 11:19 am

    oh sì, molto meglio!!

    • Silvia A. febbraio 19, 2014 at 1:05 pm

      😉

    • Silvia A. febbraio 19, 2014 at 1:06 pm

      Anche i tuoi followers sono favolosi, ho notato sai?
      🙂

  • freakdust febbraio 20, 2014 at 9:13 am

    Io avevo pubblicato le statistiche (quelle divise per città) chiedendo ai lettori di farsi avanti, è stato molto divertente poter dare finalmente un “volto” a chi prima era solo un numero 😀

    • Silvia A. febbraio 20, 2014 at 9:56 am

      Cioè cioè? Non conosco lo strumento… illuminami!

  • Robin :D febbraio 21, 2014 at 3:18 pm

    Meglio non avere di questi problemi 😉

    • Silvia A. febbraio 21, 2014 at 5:21 pm

      Taaaante energie risparmiate!

  • Mamma avvocato marzo 15, 2014 at 8:41 am

    Forte!!!!

    • Silvia A. marzo 16, 2014 at 8:59 pm

      Scommetto che anche i tuoi followers sono favolosi! 🙂

  • Lucrezia marzo 17, 2015 at 5:58 pm

    Oh, non sbagli un post tu, eh

    • Silvia A. marzo 17, 2015 at 10:03 pm

      Beh detto da te è un bel complimento! :-*

  • Non mi hanno mai copiata (uffa) |meduepuntozero gennaio 26, 2016 at 3:52 pm

    […] Una volta avevo scritto un post sulle fan sui social; mi era sembrato un gran pezzo, arguto e divertente: non mi copiarono neanche quello. Una […]